Dove alloggiare alle Cinque Terre

Le Cinque Terre sono dei paesini molto piccoli e molto romantici. Che il tuo sogno sia dormire in una delle pittoresche case-torre o che tu abbia solo bisogno di una base più economica ma allo stesso tempo comoda per raggiungere le Cinque Terre, continua a leggere questo articolo.

E’ il paese più grande delle Cinque Terre e ha ha il maggior numero di sistemazioni e cose da fare. Monterosso è anche l’unico paese con grandi spiagge ed è quindi particolarmente indicato per chi ama la tintarella oppure per chi viaggia con i bambini.

Poiché Monterosso è il paese più grande, è un’ottima opzione per famiglie o gruppi più numerosi che viaggiano insieme in modo che ci siano più scelte per tutti. Quando cerchi dove alloggiare alle Cinque Terre, tieni presente che Monterosso offre la più ampia gamma di prezzi di sistemazioni da quelle più economiche a quelle più esclusive.

Monterosso è la scelta ideale se per te sono importanti le spiagge sabbiose o se vuoi spendere un pochino meno e avere una più ampia selezione di hotel.

A differenza degli altri paesi, Monterosso infatti non è arroccato su un’alta scogliera, quindi è adatto anche a chi ha problemi motori o per chi non ama camminare su e giù.

Monterosso è anche il paese più a ovest delle Cinque Terre, il primo che si incontra arrivando da Genova o Milano ed è dunque anche la base di partenza migliore per chi vuole fare il trekking delle Cinque Terre.

E’ la scelta per il miglior posto panoramico dove dormire alle Cinque Terre, poiché la maggior parte degli hotel si trova proprio sulla piazza con una splendida vista sul porto.

Vernazza è caratteristica, bella e meravigliosamente romantica, soprattutto alla sera. C’è qualcosa di speciale nel cenare sul porto al tramonto, una volta che i turisti giornalieri se ne sono andati!

Se decidi di alloggiare qui assicurati di cercare e prenotare l’hotel il prima possibile perché, come Manarola, è un paese molto romantico soprattutto alla sera e se non fai presto, perdi le opzioni migliori.

Inoltre se viaggi in auto è necessario parcheggiare fuori il paese, ma i parcheggi sono limitatissimi, potresti dover optare di lasciare l’auto fuori le Cinque Terre.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 3divisorio-9.jpg

Se stai cercando dove alloggiare nelle Cinque Terre fuori dai sentieri battuti e per niente affollato, Corniglia è il posto perfetto. Essendo l’unico paese in cima alla scogliera è raro che le persone scelgano Corniglia quando decidono dove dormire nelle Cinque Terre, quindi se vuoi fuggire dalla folla, è perfetto.

Gli hotel a Corniglia sono spesso più convenienti rispetto ad altri villaggi.

Corniglia è l’unico paese delle Cinque Terre che non ha accesso diretto al mare. È necessario percorrere oltre 350 gradini per arrivare qui dalla stazione dei treni, o in alternativa è possibile prendere l’autobus, Corniglia ha un fascino unico, soprattutto per i tramonti e le viste mozzafiato.

Insomma se cerchi un posto dove dormire un po’ più rurale e genuino, senza turisti e se ami trekking ed escursioni, è il posto giusto per te.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 3divisorio-9.jpg

E’ una delle Cinque Terre più famosa, davvero pittoresca e romantica, offre le più splendide vedute da cartolina ed è un’ottima scelta per chi desidera viste panoramiche che non richiedono escursioni. Per questo è famosissima tra i fotografi.

Gli alloggi qui però tendono ad essere fra i più costosi rispetto alla media delle Cinque Terre, inoltre le disponibilità in hotel si esauriscono rapidamente, proprio come Vernazza, quindi è necessario prenotare con largo anticipo.

Manarola è perfetta per le coppie romantiche, è meno turistica di Vernazza e più tranquilla di Riomaggiore, che è spesso scelta dai più giovani (insieme a Monterosso).

Se stai cercando il posto perfetto dove alloggiare nelle Cinque Terre, allora scegliere un hotel a Manarola è una delle opzioni migliori.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 3divisorio-9.jpg

E’ il secondo più grande di tutti i cinque paesi delle Cinque Terre. È, come Monterosso, usato come punto di partenza per esplorare le Cinque Terre a piedi (si trova proprio al limite opposto).

Riomaggiore è vivace di giorno ma anche di notte, vista la copiosa presenza di locali e bar ed è adatta ai giovanissimi. Gli edifici color pastello e le viste pittoresche rendono questo villaggio una scelta popolare. Noi siamo rimasti innamorati da questa visione, soprattutto al tramonto.

Tuttavia, assicurati di essere in buona forma fisica quando scegli di soggiornare a Riomaggiore perché c’è un’alta probabilità che dovrai trascinare i tuoi bagagli su per una bella salita!

Riomaggiore è il primo paese delle Cinque Terre che si incontra sia da La Spezia che da Portovenere.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 3divisorio-9.jpg

Puoi optare anche per alloggiare nei paesi vicini come Levanto, Portovenere o La Spezia e di raggiungere le Cinque Terre in treno. Noi lo abbiamo fatto, leggi il nostro racconto di viaggio per scoprire dove abbiamo alloggiato.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 3divisorio-9.jpg

Levanto è un’ottima base dove dormire, è una cittadina più grande, con grandi spiagge sabbiose, amate da surfisti per le onde, molto meno affollate di quelle di Monterosso.

Una vera e propria cittadina, qui si può trovare di tutto, compresi centri per le immersioni, ma mantiene comunque un’atmosfera rilassata. Da non perdere il suo centro storico, la passeggiata sul mare e la pista ciclabile che la collega a Bonassola su un percorso affascinante che passa dalle vecchie gallerie del treno.

Durante l’alta stagione, Levanto è sicuramente un’ottima opzione dove alloggiare per visitare le Cinque Terre, data la grande offerta di hotel e i prezzi mediamente più bassi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 3divisorio-9.jpg

Base ideale per visitare le Cinque Terre per chi arriva da Firenze e dalla Toscana. Questa città si trova proprio dove termina il Golfo di La Spezia e inizia il Golfo di Genova. Famosissima per la chiesa in cima al picco roccioso e l’isola Palmaria.

È una zona eccellente dove alloggiare, poiché offre una vasta gamma di sistemazioni, dai Bed & Breakfast agli hotel di 3 e 4 stelle. Inoltre, prezzi sono più bassi e diversificati di quelli offerti dai borghi delle Cinque Terre.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 3divisorio-9.jpg

Ottima base dove dormire per chi arriva sempre da Firenze e dalla Toscana. Più grande ma anche meno bella è questa città, davvero strategica: sia per l’enorme quantità di sistemazioni, sia per la stazione centrale situata in Piazza medaglie d’oro nel centro della città, con collegamenti per Genova, Pisa, Parma, Milano, Ventimiglia, Firenze, Savona, Roma e molte altre città tra cui ovviamente le Cinque Terre.

Tutte le sistemazioni sono davvero economiche in questa zona.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 3divisorio-9.jpg

Ultimi consigli

Se arrivi in auto ti consiglio di alloggiare a Levanto o La Spezia, dove puoi facilmente parcheggiare l’auto e visitare i borghi con il treno, leggi anche come muoversi alle Cinque Terre per maggiori informazioni.

In alternativa puoi optare di lasciare la tua auto nelle città limitrofe e poi prendere il treno per recarti nel tuo hotel.

Quanto tempo trascorrere alle Cinque Terre?

Le Cinque Terre sono paesini molto piccoli, se si ha poco tempo a disposizione è possibile fare gite di una giornata. Sono disponibili tour giornalieri oppure puoi semplicemente prendere il treno o la barca da un paese all’altro.

E anche possibile anche fare trekking con una giornata, si impiegano almeno 5 ore per percorrere l’intero Sentiero Azzurro, un percorso di circa 12 km che collega Riomaggiore a Monterosso al Mare, passando per gli altri 3 paesini: Manarola, Corniglia e Vernazza. Tieni in considerazione però che se desideri visitare anche i paesi ci vorrà molto più tempo, chiaramente bisogna essere abbastanza allenati, si tratta che si arrampicano su e giù per le colline.

Personalmente consiglio di trascorrere almeno 2 giorni, proprio come abbiamo fatto noi, per leggere il nostro racconto clicca qui. Si tratta comunque di un tour de force, ma meno pesante di un tour giornaliero.

Se invece vuoi godere a pieno di ogni paesino, concediti una settimana. Visita una terra al giorno, fai trekking, visita i siti che ti ho elencato nella sezione ‘cosa vedere’. Prenditi per pranzo un cono di frittura ad uno street food, passeggia tra i caruggi, prendi l’aperitivo in uno dei locali più in voga. Concediti momenti di relax al tramonto, magari ammirando il paesaggio da uno dei punti panoramici e concludi la giornata provando le specialità locali da uno dei ristoranti più rinomati della zona.

Un giorno dedicalo al mare, passa la giornata sulle spiagge di Monterosso, tuffati dalla scogliera di Manarola o prendi il sole sugli scogli di Riomaggiore. L’ultimo giorno puoi dedicarlo ad una gita in barca, ammira le Cinque Terre da un nuovo punto di vista, goditi un esperienza unica: un tour per fotografi, un tour privato con aperitivo e un tuffo nel golfo, un tour al tramonto sorseggiando del prosecco, un tour di pesca sportiva e questi sono solo gli esempi che vi propongo, se avete altre idee in mente potete contattare direttamente la compagnia.

Se visitare una terra al giorno ti sembra troppo tempo puoi anche visitare i paesi vicini come Portovenere, Levanto e La Spezia.

PS: Ritagliati qualche momento per fare dello shopping, acquista i prodotti tipici.

In che periodo visitare le Cinque Terre?

Le Cinque Terre sono famose in tutto il mondo, scegli con cura e consapevolezza il periodo ideale per visitarle.

Si sa luglio e agosto sono la stagioni più gettonate, si tratta dell’alta stagione, orde di turisti italiani e stranieri affollano questi piccoli paesini. Personalmente ti consiglio il periodo di media stagione, che va da aprile a giugno e da settembre a ottobre, in cui il flusso dei turisti è moderato.

Inoltre se si desidera fare trekking, l’alta stagione può rivelarsi una vera nemica, meglio camminare con temperature non troppo elevate.

Per quanto riguarda la bassa stagione, sicuramente puoi trovare prezzi davvero convenienti e avere i paesini tutti per te, ma stai attento al tempo, può essere davvero molto umido e in caso di pioggia si rischia la sospensione delle barche e la chiusura dei sentieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *